Natale in emozioni #libri

Un periodo, questo, ideale per rinnovare le motivazioni, le finalità. Questi libri scelti per l’intenzione e per quello che raccontano in una azione chiamata ‘nutrimento per l’anima’.

Consigli di lettura per piccoli lettori e grandi che leggeranno ai più piccoli o da soli, storie per ritrovare il senso.
Per la letteratura per l’infanzia: Claudia Gattella, Giamila Fiorini…

Per lettori più grandi, Umberto Braccili giornalista Rai, Paolo Crepet, psichiatra, Bebe Vio, atleta e rappresentante in prima persona della motivazione.

Distrabella e il draghetto rossello.jpg

DISTRABELLA e il Draghetto Rossello, CLAUDIA GATTELLA Caravaggio Editore
Distrabella è una PIGOTTA Unicef..

Orietta, chiamata Distrabella, ha quasi sei anni ed è una bambina molto bella. Ha i capelli ricci, occhi verdi e un po’ di lentiggini… A scuola non capisce perché le maestre pensino che ripetendo tante volte una cosa o alzando la voce, i bambini la imparino. Distrabella vorrebbe portare i grandi nel mondo dei bambini. Grazie al draghetto Rossello, forse ce la farà. …Con il Patrocinio di Unicef e parte del ricavato devoluto.
https://www.amazon.it/Distrabella-Draghetto-Rossello-Claudia-Gattella/dp/8895437632/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1512982992&sr=8-1&keywords=distrabella

Aria e luce, viaggio attraverso i due Regni, Giamila Fiorini Saremo Alberi, Libroteca

La favola racconta l’autismo in punta di penna. Giamila Fiorini scrive un racconto di speranza e coraggio, attraverso l’amicizia che nasce tra Aria, bambina umana, e Luce, una bambina fatata. Aria possiede il dono delle parole mentre Luce quello di vedere nell’animo umano.

https://www.amazon.it/Aria-Luce-Viaggio-attraverso-Regni/dp/8894231003

IL PICCOLO PRINCIPE, Antoine de Saint-Exupéry, Newton Compton

“Il Piccolo Principe” è la storia dell’incontro in mezzo al deserto tra un aviatore e un buffo ometto vestito da principe che è arrivato sulla Terra dallo spazio. Ma c’è molto di più di una semplice amicizia in questo libro surreale, filosofico e magico. C’è la saggezza di chi guarda le cose con occhi puri, la voce dei sentimenti che parla la lingua universale, e una sincera e naturale voglia di autenticità. Perché la bellezza, quando non è filtrata dai pregiudizi, riesce ad arrivare fino al cuore dei bambini, ma anche a quello degli adulti che hanno perso la capacità di ascoltare davvero. Età di lettura: da 8 anni a 100…

https://www.ibs.it/piccolo-principe-libro-antoine-de-saint-exupery/e/9788854172388?inventoryId=46994994

I MILLE ABRUZZI,UMBERTO BRACCILI giornalista RAI e scrittore per Ricerche e Redazioni

“I mille Abruzzi. Gente felice, triste e incazzata nella regione forte, gentile e martoriata” è il secondo libro del giornalista Rai Umberto Braccili. Un racconto che segue le emozioni, le rabbie e i sogni che nascono prima, durante e dopo un servizio televisivo. Ci sono “gli invisibili” che magari vestono in giacca e cravatta ma non hanno i soldi per mangiare. C’è la professionista che si reinventa la vita…Devoluto interamente per l’acquisto di un mezzo per un Associazione che si occupa di disabilità.

https://www.ibs.it/i-mille-abruzzi-gente-felice-triste-libro-umberto-braccili/e/9788885431065?tipo=nuovo&lgw_code=1122-B9788885431065&gclid=CjwKCAiA9rjRBRAeEiwA2SV4ZQOuiBxRfmhDirB21W6sA3qbRcGpM3wejOSJB65l1smxIeib4gadWxoCUqYQAvD_BwE

IMPARA A ESSERE FELICE, Paolo Crepet Einaudi

Essere felici può accadere molto più spesso di quanto immaginiamo, dobbiamo solo lasciare che accada. Per molti lagnarsi è più che un vezzo, una difesa: è ciò che sanno fare meglio perché lo hanno imparato fin dall’infanzia. Combattere questo atteggiamento vuol dire elaborare una nuova grammatica quotidiana, avviare una piccola rivoluzione cui Paolo Crepet dà il suo contributo in queste pagine. E dimostra come educare alla felicità, quella autentica – da non confondere con la gioia effimera – dovrebbe essere il compito primario di ogni adulto e di ogni insegnante.

https://www.ibs.it/impara-a-essere-felice-libro-paolo-crepet/e/9788806212612?gclid=CjwKCAiA9rjRBRAeEiwA2SV4ZY9Yyy5u5GGXP_eV2AtrROTvoHBd4OY8jHuzsmYyK5ZXJokxAQo1zhoC8hUQAvD_BwE

SE SEMBRA IMPOSSIBILE ALLORASI PUO’ FARE, Bebe Vio, Rizzoli

Chiunque incontri Bebe, o anche solo la veda in tv, rimane incantato dall’energia positiva che sprigiona a ogni parola, ogni gesto, ogni sguardo. Bebe affronta ogni genere di ostacolo utilizzando strumenti e risorse che ciascuno di noi ha a disposizione… anche se spesso non se ne accorge nemmeno! Innanzi tutto, Bebe è da sempre consapevole che bisogna trovarsi un sogno da perseguire con la massima passione: per esempio, lei ha iniziato a cinque anni a desiderare con tutte le sue forze di andare alle Olimpiadi. Per raggiungere la propria meta è fondamentale poi imparare a collaborare con gli altri, fare squadra, chiedere aiuto perché «da solo non sei nessuno».

http://www.peridirittiumani.com/2017/12/12/scritture-al-sociale-leggere-il-natale-scelti-per-voi/

Annunci

#NONUNADIMENO: 25 NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

Nell’ultimo decennio sono state uccise in Italia 1.740 donne. Di queste 1.251, ovvero oltre il 70% in famiglia, dove le cause sono “incomprensioni, separazioni, affidamento dei figli, etc…”.
Uccise da chi diceva di AMARLE
Nel 2016, il numero è pari a 120. Nel 2017 la media è di una vittima ogni tre giorni.
Quasi 7 milioni di donne secondo i dati Istat, hanno subito una forma di abuso.
La violenza inaudita è in aumento verso le giovanissime ritenute ad alto rischio come dimostrano i fatti di cronaca.

FEMMINICIDIO_750x450px2.jpg

arsa viva dal compagno all’ottavo mese di gravidanza
uccisa con un martello dall’ex
la strage : giustiziata dal marito insieme alla madre
strangolata e bruciata a 22 anni
freddata a colpi di pistola
sgozzata dal marito
uccisa a coltellate
ammazzata a bastonate
“mamma, mi sta ammazzando”
bruciata viva dal marito
ragazza uccisa in Sardegna, la confessione del fidanzato: «Abbiamo litigato per le briciole sul tavolo»
uccisa a coltellate a 28 anni
dottoressa stuprata durante il turno alla guardia medica
l’autopsia: prima picchiata…

E ancora e ancora…

Gli slogan si susseguono innumerevoli di anno in anno: Associazioni, Enti, comunità, organizzazioni nel sociale a manifestare, a ricordare che la violenza non è amore.
Il delitto passionale non esiste. Resta il delitto.

Per le vittime silenziose, quelle rimaste incastrate dentro mura depositarie di gesti e parole irripetibili, resta il dramma di appartenere a qualcuno come un pacco dono.Qualcuno che sa  ‘maneggiare con cura’ forse solo un pacco di cartone.

Siamo donne. Nate bambine, cresciute dentro ideali. A volte sbagliando, altre manipolate ed educate a garantire l’ego di altri, in modo di piacere, ricevere consenso, rispetto, stima.
Quella mai inserita negli anni. Come il vuoto a perdere..

Constatare la presenza incalzante di contenitori emotivi senza contenuto chiamate ‘persone’, è un dato allarmante, urgente.
Abbiamo toccato il fondo che è sempre più profondo.
Tornare a galla, riprendere fiato e stupore, desideri, amore.
Costruire vite possibili imparando il rispetto, la stima. Apprezzare le fragilità, la tenerezza.
La nostra forza è nell’unico muscolo involontario che abbiamo, il cuore.

omicidi-donne

http://www.iogiocopulito.it/nonunadimeno-25-novembre-giornata-internazionale-la-violenza-alle-donne/

 

L’eredità di Valeria Solesin

IoGiocoPulito_valeria_solesin_premioE’ il Premio alla miglior tesi in memoria di Valeria Solesin vittima italiana nell’attentato al Bataclan, borsista di sociologia alla Sorbona.
La seconda edizione rivolta agli studenti delle università italiane per Tesi magistrale è dedicata a“nuovi modelli sociali, culturali, politici ed economici”.
Un Premio ispirato agli studi e ai progetti della giovane ricercatrice veneziana, scomparsa nel 2015.

Tesi universitarie che hanno evidenziato le cause che ostacolano la presenza femminile nel mercato del lavoro e le buone pratiche introdotte da aziende ed istituzioni. Quarantasette le candidature pervenute da tutto il Paese.

I premiati:
Salvatore Lattanzio, Carola Ghio e Carolina Gerli, Università Bocconi Milano
Arianna Comizzoli, Università degli Studi di Milano.
Federica Piccinini, Università Bicocca.
Silvia Scalzotto e Silvia Macciò, Università di Padova,
Viola Fornasari, Università di Torino
Elisa Chieregato, Università di Pisa e
Federica Masciotra, Università di Chieti-Pescara
Ogni vincitore riceverà una borsa di studio o uno stage offerto da altrettante aziende o associazioni.

La cerimonia di premiazione che si è svolta nella sala conferenze di Palazzo Reale a Milano ha visto la valorizzate delle idee di studenti con la stessa passione di Valeria Solesin, con lavori ritenuti di altissimo livello a seguire una eredità preziosa, quella di Valeria, accolta e sostenuta nel suo grande valore.

solesin

http://www.iogiocopulito.it/leredita-valeria-solesin/